Legal Marketing: conoscere i competitor

legal marketing: competitor

Legal Marketing: conoscere i competitor

Qual è il rischio maggiore per un’attività? Il competitor. Per questo motivo è fondamentale rendere sempre chiari gli obiettivi, le capacità, l’identità della propria attività.

Uno studio legale che voglia difendersi dal suo competitor, deve presentarsi al potenziale cliente con caratteristiche uniche, riconoscibili.  Cosa vuol dire? Attuare una buona ed efficace strategia di legal marketing significa prima di tutto “guardarsi allo specchio”, delineare il proprio raggio di azione, stabilire i contorti della propria realtà professionale. Il secondo passo è: analizzare lo scenario, il mercato di riferimento.

L’obiettivo è di aver maggiore consapevolezza della propria nicchia di mercato e potersi proporre al cliente in modo più definito, ma soprattutto poter differenziarsi dal diretto competitor. Su quale area legale si concentra lo studio? È importante concentrarsi su una specificità riconoscibile.

Questo vuol dire dedicarsi ad una fetta di mercato e riuscire a rispondere a determinate esigenze, differenziandosi rispetto ad altri studi legali.

Altro punto fondamentale: monitorare costantemente normative vigenti, aggiornamenti, non tralasciare mai la “ricerca di mercato” del settore di riferimento. Un’analisi costante e attenta permette di evitare l’effetto sorpresa e poter contrastare in tempo una eventuale crisi prima che essa si presenti.

Analisi

Non meno importante è l’analisi dei diretti competitor, quantitativa e qualitativa. Essere consapevoli e conoscere la propria concorrenza è utile, perché? Sicuramente per potersene differenziare, per comprendere – grazie al confronto – quali sono i punti di forza della propria attività, trovare nuovi spunti e ideare nuove iniziative.

Analizzare il competitor significa in primo luogo riuscire a individuale qual è la concorrenza diretta, chi lavora sullo stesso piano. Analizzare la porzione di mercato individuare il target a cui si riferisce, le caratteristiche principali.

Tutto questo aiuta a costruire una identità sempre più specifica. Dall’analisi del competitor è possibile imparare molto: non significa emulare, ma lasciarsi ispirare dai tratti positivi di quella azienda e tradurli in un nuovo vantaggio per la propria attività.