Diventare avvocato: l’importanza della preparazione per superare l’esame di Stato

avvocato

Diventare avvocato: l’importanza della preparazione per superare l’esame di Stato

Per svolgere la professione forense è necessario, oltre che aver conseguito la laurea in Giurisprudenza e avere svolto 18 mesi di pratica forense presso uno studio legale, superare l’Esame di Abilitazione.

La difficoltà di questo esame è nota a tutti e molti aspiranti avvocati prima di riuscire a superarlo devono provare più volte. Alcuni abbandonano dopo il primo tentativo, i più audaci non si arrendono e continuano a studiare. Una buona preparazione può rendere l’esame meno difficile da affrontare.

L’esame di abilitazione alla professione forense è suddiviso in una parte scritta e una orale. Le prove scritte sono tre e consistono nella redazione di due pareri legali in materie regolate dal codice civile e dal codice penale e di un atto giudiziario su un quesito a scelta tra i tre proposti in materia di diritto privato, diritto penale e diritto amministrativo. Durante la prova orale invece, si discutono gli scritti e si è sottoposti a diverse domande su sette materie. Per superare l’Esame di Abilitazione è necessario ottenere almeno 30 punti in ogni prova scritta e 180 in quella orale.

La preparazione all’esame è fondamentale, per questo i 18 mesi di tempo che lo precedono devono essere impiegati al meglio. Scegliere uno studio multidisciplinare è molto importante perché ti permette di occuparti di questioni sia civili sia penali. Contemporaneamente puoi seguire un buon corso organizzato dagli ordini di professione, da associazioni di categoria o da altri soggetti autorizzati.

Superare le prove scritte è veramente difficile, per questo dovresti esercitarti a scrivere sia pareri sia atti processuali rimanendo aggiornato sugli argomenti caldi che molto probabilmente potrebbero essere oggetto della prova scritta.

Non sottovalutare però l’orale! Continua a studiare in attesa di conoscere l’esito e se non dovesse essere positivo non scoraggiarti. Individua le tue lacune e preparati per l’anno successivo.