Avvocati e innovazione digitale: i dati e le tecnologie più utilizzate

digitalizzazione avvocati

Avvocati e innovazione digitale: i dati e le tecnologie più utilizzate

Qual è il livello di digitalizzazione delle professioni giuridiche e che rapporto c’è tra avvocati e innovazione digitale? Ma soprattutto la domanda è: quanto la tecnologia può essere di sostegno al professionista?

Da una ricerca condotta dall’ “Osservatorio Professionisti e Innovazione digitale del Politecnico” sono risultate una serie di percentuali che testimoniano un crescente interesse degli avvocati verso le tecnologie, anche se una parte di loro ritiene che la propria dotazione sia inadeguata a coprire le esigenze future.

In breve, dallo studio che porta il titolo “Dati, dati, dati, l’Umanesimo digitale dei professionisti” risulta che in cima alla lista di tecnologie più utilizzate dai professionisti vi è la firma elettronica, adottata dal 97% degli studi.

A seguire la fatturazione elettronica, è uno strumento che cresce maggiormente per via dell’obbligo normativo. Nella lista è presente anche l’utilizzo dell’archivio digitale dei documenti con una percentuale del 47%, la conversazione digitale al 45%, VPN – reti virtuali private al 44% e videochiamate al 42%.

Meno di quattro professionisti su dieci hanno un sito internet dedicato e solo una minima parte, con una percentuale quindi del 29%, è presente sui social. Il 23% è la percentuale dei professionisti che utilizza strumenti di e-learning.

Allo stesso tempo lo studio conferma quanto la digitalizzazione, la collaborazione e quindi la condivisione online dei documenti, siano motivo di crescita economica per uno studio di professionisti. Si è valutato una percentuale di crescita del 69% nel caso di uno studio che utilizza tecnologie ad alto tasso di innovazione.

Come evidenzia l’Osservatorio, soltanto una media del 36%, o di poco superiore, degli studi professionali si colloca ad un livello elevato nelle tre componenti tipiche dell’economia digitale, individuate in collaborazione, digitalizzazione e cultura dell’innovazione.